Artistɜ

Andrea Barbagallo

Andrea Barbagallo vive e lavora tra Milano e Roma. Dopo essersi laureato all’Accademia di Belle Arti di Brera, prende parte a numerose mostre, collettive e personali, tra cui: Whale Fall alla Galleria Davide Gallo di Milano, Body Ache a Dimora Artica e Astergere, purificare, detergere da Rehearsal Project. La sua pratica artistica si avvale dell’uso di moderni strumenti tecnologici open source in circolazione, aprendo a un nuovo modo di concepire la vita all’interno degli spazi dedicati all’arte. I suoi lavori sono surrogati biologici, feticci “bio-techno viventi” in grado di mutare temporalmente e formalmente in contatto con l’ambiente in cui sono immersi.

Andrea Centonza

Andrea Centonza (Milano, 1994) vive e lavora a Milano. Ha studiato nelle università di Pavia, Vienna e Utrecht e frequenta il corso di Realizzazione Multimediale alla Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti. La sua ricerca artistica analizza le modalità con cui l’audiovisivo crea e media costruzioni corporee ed è volta alla decostruzione del concetto di mascolinità e dell’ambigua distinzione fra essere umano e animale.

Christina G. Hadley

Christina G. Hadley (1990) vive in Emilia Romagna dove, dopo essersi laureata all’Accademia di Belle Arti di Bologna in Cinema e Video, esplora il mondo dell’Hacking-etico, immergendosi nella programmazione e nella 3D Computer Graphic. Al momento frequenta il biennio di Net Art all'Accademia di Brera. Ha esposto, fra il resto, alla Triennale di Milano e a Digital Week, e partecipato e vinto a diversi festival fra cui FILE e CutOut Fest. Si interessa del lato grottesco delle cose e con il suo lavoro cerca di attivare una visione critica del patriarcato e del colonialismo attraverso l'ironia.

Marco Ginex

Marco Ginex (Agrigento, 1997) vive e studia a Milano. Laureatosi in Nuove tecnologie dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera, frequenta ora il biennio di Net.art. La sua ricerca indaga l’Etica della Cura, a partire dalla quale sviluppa opere virtuali e performative, per le quali l’utilizzo del corpo è perfezionato grazie alla sinergia con danzatori professionisti di Release Technique e Contact Improvisation.

Marta Coletti

Marta Coletti, aka Bertuccia Mon Amour, vive e lavora nella campagna lombarda, dove il tempo è scandito ancora dall’alternarsi del sole e della luna. Si avvicina da piccola alla musica: studia musica classica, dedicandosi al violoncello; frequenta ora il corso di composizione elettroacustica a Parma, creando installazioni sonore. Collabora, in una continua influenza reciproca, con Christina G. Hadley e Giulia Manfredi.

Simona Pavoni

Simona Pavoni (San Benedetto del Tronto, 1994), vive e lavora a Milano dove ha recentemente co-fondato lo studio d’arte Spazio Marea, e ha preso parte a diverse mostre in Italia e all’estero. Dopo una formazione in pittura e scultura, si è avvicinata al video e alla performance mettendo al centro il suo interesse per le funzioni vitali del corpo con le sue manifestazioni biologiche, architettoniche e di derivazione sociale.

Raffaele Greco

Raffaele Greco (Giarre (CT), 1994) studia e lavora tra Catania e Milano. Le sue prime esperienze espositive hanno luogo all’interno dell’Accademia di Brera, dove si iscrive nel 2013. A fine 2018 apre a Milano Studio Scalzo, uno spazio laboratoriale ed espositivo in cui inizia collaborazioni lavorative con vari artisti e curatori. Nella sua ricerca è centrale il concetto di territorio inteso come intreccio tra realtà fisica, rappresentazione e narrazione simbolica. Le sue opere, multimediali e poliedriche, si radicano e nascono in questa complessità, costruendosi come immaginari dinamici in cui realtà e finzione sfumano continuamente l’una nell’altra.

Rosso Polare

Rosso Polare sono Cesare Lopopolo e Anna Vezzosi, duo di ricerca sperimentale con base a Milano. Entrambi con un background nell’arte visiva e un retaggio culturale diviso tra il contesto urbano e il paesaggio campestre, hanno combinato le loro visioni e creato un nuovo linguaggio basato su un mix di field recording, improvvisazione call and response e manipolazione audio. La loro pratica nasce e si sviluppa da un interesse comune per l’espressione sonora, andando ad esplorare sia i singoli fonemi, con i suoni che evocano, sia le parole, con le immagini che suscitano, in un continuo scambio e assimilazione tra loro e l’ambiente.

Valentina Manzoni

Valentina Manzoni (Milano, 1994) vive e lavora in itinere. Diplomata alla School of the Art Institute of Chicago, si sposta poi in Svizzera e a Cuba. Attualmente frequenta il biennio di Arti Multimediali del Cinema e del Video all’Accademia di Belle Arti di Brera. Tra l’audiovisivo e la performance, la sua prassi artistica nasce da una riscoperta della forza trasformativa del fare ed è finalizzata alla creazione di interventi (ri)compositivi del sé e della realtà.

Yasmine Chiboub

Yasmine Chiboub (Torino, 1997) vive e lavora a Milano. Attualmente frequenta il biennio in Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. La sua ricerca artistica è sensibile alla fascinazione per lo spazio virtuale ed è volta alla creazione di immagini e immaginari che mettono in dialogo il reale con dimensioni virtuali, surreali e utopiche. Le sue opere spaziano tra la letteratura e i nuovi media - con una particolare attenzione per il linguaggio della computer grafica 3D - e sono capaci di rimodellare l’esistente tramite l’artificio, creando visioni e mondi altri.